OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

  

3.11.07  (Sol 1343) – BATHTUB RING IN VICTORIA CRATER

 

Anche per Opportunity si sta avvicinando il suo terzo anniversario. Attualmente il rover è entrato nel cratere Victoria e muovendosi con molta prudenza e sta esaminando gli strati portati allo scoperto milioni d’anni fa dall’impatto del meteorite che ha creato il grande cratere. Dopo la lunga tempesta di sabbia che ha oscurato per mesi il Sole il rover sta guadagnando potenza elettrica, ora salita a 450 w/h. Problemi di comunicazioni con la navicella Odyssey, che funge da ripetitore del segnale verso terra ha costretto il rover a muoversi autonomamente, orientando le sue antenne verso terra in attesa di ricevere il comando di trasmissione. Nello stesso tempo ha continuato a raccogliere informazioni immagazzinandole nelle proprie memorie, in attesa di scaricarle. Da quando è in orbita Odyssey ha già subito diversi crash che lo hanno costretto a mettersi in modalità di conservazione (safing mode) per essere poi riattivato da un comando da terra dopo aver risolto il problema che sembra essere causato sempre da un’errata programmazione. Recuperato il satellite, le trasmissioni sono riprese ed ora i contatti con il robot sono buoni. Victoria ha una profondità di oltre 70 metri che mettono allo scoperto stratificazioni molto antiche e indicative sulla storia geologica di questa regione e sull’esistenza dell’acqua. Subito sotto l’orlo vi è una zona chiara chiamata bathtub ring che percorre tutto il perimetro del cratere. I geologi pensano che quest’anello sia il confine visibile fra la superficie originale (del tempo) e la parte eiettata dall’impatto. Il rover sta tentando di raggiungere questa zona, ma le difficoltà sono molte per via della pendenza (25°) e della presenza di sabbia che fa scivolare le ruote di opportunity. Soprattutto la pendenza impedisce di far muovere il rover con la dovuta velocità in quanto si trova molto vicino al limite imposto dai tecnici al computer di navigazione interna, per evitare il ribaltamento. Ciò nonostante il 25 settembre il rover ha raggiunto una posizione dalla quale il suo braccio può raggiungere la parte alta dell’anello, chiamata Alfa, le due sottostanti zone stratificate sono state invece chiamate con Beta e Gamma. Vista l’instabilità della posizione, prima di estendere il braccio verso Alfa i tecnici lo hanno mosso prima a destra e poi a sinistra per valutare la stabilità della posizione.

 

(Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta-marte.it - immagini NASA/JPL)

 

Il promontorio di Capo Verde è stato più volte fotografato da Opportunity, qui lo vediamo in un’immagine del 20 ottobre dopo che il rovere era sceso nel cratere. La qualità dell’immagine è scadente per la presenza di polveri sulle lenti della PanCam, un problema che difficilmente si potrà risolvere senza l’aiuto di un forte vento che difficilmente potrà arrivare all’interno del cratere.

 

Opportunity esamina gli antichi strati di Victoria

  

  • Il cratere Victoria in una immagine satellitare ad alta definizione del  Mars Reconnaissance Orbiter

  • Le baie esplorate da Opportunity

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .