OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

 

08.10.06 (sol 962) – MRO VEDE OPPORTUNITY 

Finalmente dopo mesi d’attesa arriva la prima conferma delle enormi potenzialità del Mars Reconnaissance Orbiter che, dalla sua orbita vede e fotografa Opportunity. L’immagine ad alta risoluzione ci mostra il rover, arrivato alle pendici del cratere Victoria cinque giorni prima dopo un viaggio di 21 mesi e dopo aver percorso oltre 9 km, parcheggiato sul frastagliato promontorio chiamato Duck Bay. Oltre al rover l’immagine ci mostra drammatici particolari come le impronte delle sue ruote, l’ombra del traliccio che sostiene le sue telecamere, mentre i promontori di Duck Bay e Capo Verde si trovano rispettivamente a sud e  nord. Dopo questa immagine il rover è stato guidato più vicino all’orlo del cratere per effettuar nuove immagini particolareggiate. Queste immagini fanno la storia nella esplorazione del pianeta infatti si tratta delle prime immagini comparate ad alta risoluzione fra quelle rilevate a suolo da rover e riprese dall’orbita da MRO. La possibilità di guidare dall’alto i rover e le future esplorazioni (anche umane) sono così confermate nella loro enorme importanza, andando a creare un sorta di “Tom Tom” per rover e future missioni d’esplorazione umane. La nitidezza dell’immagine i cui particolari sono piccolissimi, un pixel è meno di 30 cm, permetterà di aprire un nuovo capitolo della storia della esplorazione del pianeta permettendoci di vedere particolari della sua superficie a noi sempre rimasti nascosti. Oltre a creare nuove mappe MRO ci permetterà di vedere i resti delle passate missioni d’esplorazione come i lander dei Viking e dei Mars, oltre che a svelare i misteri della scomparsa di Bearle 2, il lander inglese portato su Marte dalla navicella europea Mars Express e del Mars Polar Lander, sparito senza lasciare traccia dopo essere sceso sui ghiacci polari del pianeta.

 

(Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta-marte.it - immagini NASA/JPL)

 

 

Foto ricordo da Marte

L’immagine ad alta risoluzione ci mostra il rover, arrivato alle pendici del cratere Victoria cinque giorni prima dopo un viaggio di 21 mesi e dopo aver percorso oltre 9 km, parcheggiato sul frastagliato promontorio chiamato Duck Bay.

Se ci trovassimo su Marte

il rover ci apparirebbe come in questo fotomontaggio parcheggiato su Duck Bay mentre riprende il fondo del cratere Victoria.

Gli strati di Capo Verde

Opportunity ha ripreso questa immagine dalla sua postazione su Duck Bay, e ci mostra, da una distanza di circa 50 metri, Capo Verde un’altro promontorio stratificato alto 6 metri, che si trova a picco sul cratere Victoria. Sullo sfondo a 100 metri vediamo una seconda sporgenza e dopo altri 400 metri un altra ancora. Le immagini di MRO e di Opportunity permetteranno agli scienziati di valutare e decidere dove a quando far entrare il rover all’interno del cratere.

 

Victoria dal Mars Reconnaissance Orbiter

     

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .