OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

 

09.06.06 (Sol 844) – LIBERO

Opportunity è uscito dalla duna che lo teneva prigioniero. Come già sappiamo, quando Opportunity si trovava a meno di un chilometro dal cratere Victoria, restava intrappolato (era il sol 833) nell’attraversamento di una piccola duna sabbiosa, apparentemente priva di pericoli. Il protocollo di sicurezza, inserito in memoria con uno degli ultimi software inviati, ha immediatamente fermato il rover non appena i sensori hanno registrato segnali di slittamento delle ruote. Basandosi sulle esperienze precedenti - il rover si era “piantato” l’anno scorso nell’attraversamento di “Purgatory Dune” – dopo aver valutato i dati telemetrici, il team a terra ha iniziate le manovre necessaria a liberare le ruote dal soffice terreno nel quale sono affondate (per fortuna non troppo in profondità). Il processo di estrazione è iniziato il sol 836 quando da terra è stato lanciato il comando a percorrere 5 m.  Le verifiche hanno mostrato che in questa fase il rover si è mosso di – solo - 9 cm all’indietro. Sono occorsi altri sei sol per far uscire il rover dalla duna. Ora potrà riprendere la via per Victoria,  su un percorso – speriamo - meno insidioso.

 

Nelle immagini sopra il rover libero. Sotto il progresso giornaliero di Opportunity verso la libertà.

 

(Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta-marte.it - immagini NASA/JPL)

 

     

Da sinistra: sol 830 - 833 - 835 - 836 (azcam frontali)

     

Da sinistra: sol 837 - 838 - 839 - 840 (azcam frontali)

 o     o 

Da sinistra: sol 836 - 837 - 838 (particolari ruote dalle azcam frontali)

 

  o    

Da sinistra: sol 839 - 840 (particolari ruote dalle azcam frontali)

 

     

Da sinistra: sol 835 - 837 - 839 - 840 (azcam posteriori)

 

Opportunity si trova a meno di 1000 metri dal cratere Victoria, il cui diametro è di circa 800 metri. La differenza in dimensioni con il cratere Endurance è evidente.

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .