OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

 

6.09.05 (sol 576) – UN RECUPERO PRUDENTE DOPO IL “GLICT”

Dopo aver ritrasmesso i necessari comandi, I tecnici del JPL stanno utilizzando Opportunity con estrema prudenza, uno strumento per volta, al fine di comprendere perché il 21 agosto il rover si è “resettato” da solo impedendo inizialmente i collegamenti tramite l’antenna principale. Anche se dopo il recupero il rover funziona regolarmente senza intoppi, per il team che lo manovra questo strano comportamento del computer di bordo è motivo di apprensione per il suo futuro. Analisi sono in corso mentre il rover ha ripreso la strada per raggiunger il vicino cratere Erebus ormai a pochi metri. Non distante c’è il grande cratere Victoria, un possibile obiettivo per Opportunity.

 

Dal punto di vista geologico molto interessa ha destato l’affioramento stratificato chiamato Lemon Rind

Sulla cui superficie appare uno strato più duro di colore diverso ed apparentemente più recente degli altri, probabilmente dovuto alla recente evaporazione d’acqua. Le analisi di Lemon Rind sono in corso. Dalla sua discesa Opportunity ha percorso 5755 m

 

 

 

(Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta-marte.it)

 

 

 

Sol 552 - Una strana crosta

 Dopo mesi di viaggio Opportunity ha raggiunto degli affioramenti fra I quali appaiono delle spesse croste di spessore e colore diverso dagli strati fino ad ora analizzati. Il sito chiamato "Lemon Rind" è stato sottoposto ad accurate analisi e I risultati saranno presto presentati al pubblico.

     
 

Sol 560 - La pancam di Opportunity fotografa i punti su cui il RAT ha lavorato.

   

 

   

Sol 560 - Questi due fotomosaici ci mostrano la stranezza dell'affioramento studiato dagli strumenti del rover. Nell'immagine di destra le righe scure verticali sono l'ombra del perno di riferimento e fine corsa del RAT

     
 

LEMON RIND

Questa immagine a falsi colori eseguita attraverso i filtri rossi – verdi – blu della pancam è stata eseguita durante il sol 552 (13.08.05) alle ore 11:55 locali, e ci mostra  "Lemon Rind". In questa rappresentazione i leggeri strati di solfati che ricoprono le rocce sedimentarie appaiono dal marrone chiaro a scuro una colorazione che dipende dal grado di presenza al loro interno di sabbia marziana. Le onnipresenti "blueberries" ed alter piccolo rocce e particolari invece appaiono dall’azzurro al blu. Queste immagini aiutano i geologi a meglio comprendere la vera natura delle rocce esaminate che altrimenti ad occhio nudo apparirebbe d’un rossiccio quasi uniforme.

 
     

 

La lunga via di Opportunity (fino al sol 562)

Dalla sua discesa Opportunity ha percorso 5755 m ed alla data di quest’immagine (23 agosto) si trova nelle vicinanze di Erebus la sua prossima meta. In lontananza giganteggia il grande cratere Victoria.

 

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .