OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

 

30.07.05 (sol 539) - SULLA VIA DI EREBUS

Dopo essersi liberato dalla duna (del Purgatorio), che lo aveva tenuto immobilizzato per cinque settimane, Opportunity avanza cautamente nel deserto circostante e sta per raggiungere il cratere Erebus. I pericoli di rimanere ancora imprigionato però non sono del tutto scomparsi e per questo il team che lo pilota ha scelto un tipo di “guida sicura” che, pur facendogli percorrere più strada, lo condurrà alla sua meta finale con maggiore tranquillità. Le preoccupazioni vengono dalle piccole dune che lo circondano, creste che possono trasformarsi in insidiose trappole perché composte da materiale molto “tenero” (simile a cenere) nel quale è facile sprofondare. Per questo motivo il rover seguirà una traiettoria che lo terrà all’interno delle stesse seguendo, per quanto possibile, quella che è già stata chiamata la Erebus Highway.   (Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta-marte.it)

 

 

 

Panorama a 360° eseguito dal rover mentre si trovava imprigionato sulla Duna del Purgatorio, visibile vicino al rover sulla destra nella immagine.

     
 

Sol 527 - Prudentemente si segue la via fra le creste ad evitare di attraversarle, si impiegherà più tempo ma dice il proverbio:  chi va piano va sano e va lontano...

     

 

In questa mappa del sol 524 si vede il cratere “Erebus” che dista a poche decine di metri da dove si trova ora Opportunity. Il nuovo percorso fino al cratere “Erebus” è stato calcolato con molta prudenza rimetteranno in atto tutte le procedure di sicurezza che erano state accantonate durante gli ultimi spostamenti veloci. Tali procedure erano sembrate inutili per attraversare il deserto che si stendeva di fronte al rover ma ora si ritornerà all’antico e si cercherà di non superare più creste sabbiose ma di seguire un percorso che possibilmente segua i crinali delle dune. Si impiegherà più tempo ma in questo modo si dovrebbe evitare nuovi insabbiamenti. Una volta raggiunto il cratere Erebus senza incidenti si decideranno nuovi obiettivi.

     

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .