OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

 

 27.02.04 - TRAMONTO SU MARTE

 

Tutta la giornata di ieri (sol 32) è stata dedicata a nuove analisi dell’interno di "McKittrick", la roccia molata dal RAT che fa parte dell’affioramento denominato “El Captain”. I dati stanno arrivando a Terra ed insieme a tutti gli altri già ricevuti saranno al vaglio degli scienziati che cercano di dare una risposta alla natura delle sferule, del terreno e, soprattutto, a definire nuovi indizi e prove sulla reale presenza di acqua salata mista al terreno. Il rover sta inoltre ritrasmettendo i dati che, giorni precedenti, che erano arrivati solo parzialmente (fornendo quindi immagini non complete). Il prossimo targhet per il RAT (chiamato "Guadalupe”), si trova ad appena 20 cm dalla attuale posizione del rover. Opportunity ha fotografato anche altri obiettivi giudicati interessanti dagli scienziati che sono le rocce chiamate "Maya" e "Jericho".

La “potenza” elettrica di Opportunity continua a diminuire (come previsto) a causa della minore esposizione al Sole dovuta al cambiamento stagionale della regione che sta entrando nell’inverno. Per ottimizzare quanto disponibile, i tecnici del JPL stanno ottimizzando le trasmissioni radio al fine di risparmiare più potenza possibile. Non si dimentichi che il problema di consumo non previsto alla resistenza che scalda l’articolazione del braccio non è stato risolto e quindi il consumo, pur se limitato e controllabile continua a drenare le batterie. Con questa ottimizzazione si spera di prolungare la “vita” del rover oltre i 90 gg programmati, durante il progressivo allontanamento del pianeta dal Sole (dovuto alla sua orbita fortemente ellittica).

 

 

   
 

"Guardando" oltre il bordo del cratere Opportunity ha tentato di fotografare il proprio scudo ablativo che si trova a 450 metri di distanza. Al momento non si è riusciti ad individuarlo.

     
 

Opportunity guarda dietro di se al Challenger Memorial Station.

 

   
 

Opportunity ha scattato questa foto del sole che tramonta durante il 20 sol, per studiare la quantità di polvere presente nella atmosfera. Dai primi dati risulta che la polvere sospesa sia almeno il doppio di quella misurata durante la missione di Pathfinder (1997), e dei Viking (1976), che avevano eseguito le stesse analisi . La colorazione azzurra è dovuta all'interazione dei granelli di sabbia sospesa con le radiazioni solari, interazione che fa si che le radiazioni blu siano più evidenti di quelle rosse (come accade sulla Terra a causa della atmosfera)

     
 

L'affioramento chiamato “El Captain” dove si trova il sito che il RAT ha smerigliato, chiamato "McKittrick" mentre a 20 cm di distanza si trova "Guadalupe”, prossimo obiettivo del RAT.

     
     
     

 

 

 

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .