HOME PAGE - Back - MER 2003 HOME

 27.01.04 - OPPORTUNITY E' SCESA IN UN CRATERE

 

 

 

 

 

L'ultima immagine ripresa dall'obiettivo della macchina posta sul fondo del lander, mostra quello che gli scienziati credono sia il cratere di 150 mt di diametro che si trova nelle vicinanze di Opportunity.

 

Questi affioramenti si trovano all'interno del cratere in cui è sceso il lander e saranno uno dei primi obiettivi scientifici di Opportunity.

       

Individuato il luogo in cui si trova Opportunity. Il lander si è fermato all'interno di un piccolo cratere da impatto di circa 20 metri di diametro. << ... E' stata una gran colpo di fortuna ... >> dicono gli scienziati americani << ... se giocassimo a golf sarebbe stato come fare "buca in una" da una distanza di 400 milioni di chilometri ... arrivare al centro di un cratere ci da l'opportunità di analizzare il sottosuolo di Maridiani planum senza necessariamente fare lunghe escursioni perché quello che cerchiamo è già disponibile sotto il lander ... >> riferisce il Dr Steve Squyres della Cornell University. La NASA aveva selezionato la regione di "Maridiani Planum" per la massiccia presenza di giacimenti di ematite, un minerale che si forma solo in presenza d'acqua (ma che può essere anche di origine vulcanica). E' proprio per scoprire la sua vera natura che Opportunity è stato mandato in quella zona. Ma la fortuna non finisce qui, nelle vicinanza del rover si trova anche un affioramento di materiale sedimentario. Altra particolarità è che la depressione in cui si trova il lander è posta nelle immediate vicinanze di un altro cratere di almeno 150 metri di diametro. Quindi, con molta probabilità, Opportunity spenderà molto del suo tempo ad analizzare i minerali che si trovano nelle sue immediate vicinanze, prima di fargli superare l'orlo del piccolo cratere ed indirizzarlo in quello adiacente.

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .