OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

 

19.03.04 - DIFFICOLTA' PER OPPORTUNITY

 

Ieri 56 sol, Opportunity ha tentato di uscire nuovamente dal cratere. L’operazione,iniziata con cautela ed anche un poco di apprensione, perché durante il primo tentativo effettuato nei giorni scorsi il rover era più volte scivolato indietro, non ha avuto esito positivo. Anche questa volta il problema di mancanza di aderenza si è ripetuto, e a questo punto i controllori a Terra hanno deciso di spostare lateralmente il rover per tentare di farlo uscire da un altro lato del cratere “Eagle”. Il tentativo è attualmente in corso (sol57). Il problema della mancanza di grip ed il tentativo di risolverlo, era già stato studiato a fondo nei simulatori a Terra ma da subito si è capito che non si tratta di un handicap di facile soluzione se il terreno calpestato tende a franare all’indietro trascinando con sé il rover. Questo è uno dei motivi tecnici per cui dall’altra parte del pianeta si è deciso di non far scendere Spirit all’interno del cratere Boneville. Comunque, prima di uscire il Opportunity ha effettuato numerose analisi del suolo, nelle vicinanze del lander, che presentava diverse colorazioni. Immagini ravvicinate hanno mostrato una superficie composta da minuscoli granelli di sabbia, o concrezioni, molto simili a quelle trovate da Spirit sulla duna chiamata “Serpent”.

 

Opportunity "vede" l'orlo del cratere ma il suolo frana impedendogli di uscire al suo primo tentativo. Oggi si riprova.

La nuova trincea scavata dal rover nei pressi del lander

 

I granuli di sabbia molto simili a quelli trovati da Spirit e che sembra costituiscano un elemento comune nella crosta superficiale del pianeta.

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .