OPPORTUNITY

da Meridiani Planum

more news

 

06.07.04 – (sol 160) – CINQUE “FORI” PER OPPORTUNITY

Opportunity, sempre sull’orlo inclinato di “Endurance” ha completato l’esecuzione di cinque fori con il RAT, nei cinque strati che gli scienziati si sono prefissati di studiare. Il freddo comincia a farsi sentire e durante la notte del sol 152 la temperatura è scesa a – 51°C (pericolosamente al limite per il MINITES). Ora sono in corso le analisi spettrografiche dei materiali portati allo scoperto nella speranza di scoprire di più sulla storia geologica di questa regione. Ad oggi Opportunity ha percorso sulla superficie di Marte 1500 metri circa.

(Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta marte.it)

 

 

Questa immagine in falsi colori ci da modo di meglio comprendere alcune delle tecniche utilizzate degli scienziati a Terra per evidenziare differenze nella granulometria e composizione delle rocce esaminate. I colori vengono enfatizzati elettronicamente utilizzando selezionate immagini riprese attraverso i filtri in dotazione alla pancam. La foto mostra in colore rosso la polvere generata dal RAT durante la perforazione e evidenzia la forte presenza di ematite grigia, la qual polverizzata assume una colorazione rossastra. Il foro in altro è molto più rosso perché  il RAT ha smerigliato oltre alla pietra anche due sferule, visibili in altro a destra e a sinistra. Le gradazioni di colore dall'alto in basso della fotografia indicano diversità negli strati che attualmente il rover sta analizzando.

La stessa immagine, in colori ricostruiti nel visibile, ci fa notare come l'occhio umano non sia in grado di distinguere le differenze nello scavo effettuato e di conseguenza quanto siano utili le ricostruzioni attraverso i filtri della pancam.

Gli ultimi due "fori" esguiti dal RAT di Opportunity

Una microfotografia evidenzia i sottili strati presenti nelle rocce di Endurance

Un fotomosaico di uno degli ultimi fori eseguiti dal RAT, evidenzia strati, impronte di sferule e crepe probabilmente dovute all'interazione della roccia con acqua corrente

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .