SPIRIT

dal Cratere di Gusev

more news

 

 

20.11.2005 (sol 669) – ALL’OMBRA DI MARTE

 

Mentre Spirit si trova ancora sulla Columbia Hills gli astronomi ne approfittano per eseguire osservazioni del cielo. I rover non sono stati progettati per effettuare immagini astronomiche e quindi per “attrezzature” sono molto più degli astrofili alle prima armi che dei veri e propri astronomi. Le immagini che ci rimandano sono comunque preziose essendo le prime mai eseguite dalla superficie di un altro pianeta. Fra le osservazioni notturne – che fra l’altro servono anche a valutare quanta polvere è sospesa nell’atmosfera del pianeta – molte sessioni sono state dedicate all’osservazione di Deimos e Phobos. Le due lune di Marte hanno ancora molti per gli astronomi, come la durata esatta delle  loro “rivoluzioni” e le velocità, distanze ed inclinazioni esatti delle loro orbite. Per cercare di dare una risposta a queste domande e conoscendo i para,metri orbitali esatti di Terra, Marte me Sole, si è pensato di fotografare le due piccole lune durante le frequenti eclissi di Sole che accadono su Marte ( quando il satellite si trova fra il rover che è sulla superficie di Marte, ed il Sole stesso).

Recentemente (sol 639 – 20.10.05) Spirit  è stato utilizzato anche per seguire delle eclissi di Phobos (corrispondenti alle nostre lunari, quando la Terra si trova fra il Sole e la Luna  e quindi proietta la propria ombra sul nostro satellite).  L’astronomo Jim Bell del team di Spirit ha suggerito di chiamare questi fenomeni eclissi “Phobali”, analogamente alle eclissi Lunari terrestri per distinguerle da quelle che di determinano fra le decine di satelliti del sistema solare.

 

(Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta-marte.it)

 

 

 

 

Recentemente (sol 639 – 20.10.05) Spirit  ha ripreso Phobos durante una eclisse “Phobale”. Il fenomeno è durato in tutto 26 minuti ma il rover è riuscito a fotografarne solo i primi 15 minuti. Le immagini multiple sono state eseguite con un intervallo di 15 secondo l’una dall’altre. Le prime tre immagini mostrano Phobos illuminato dal Sole. Dopo circa 100 secondi – tempo nel quale il rover ha elaborato le immagini – è stata scattata la quarta fotografie che ci mostra Phobos che sta per entrare nell’ombra di Marte. Nelle immagini seguenti la luna entra in ombra e la sua luminosità decresce ma non scompare completamente perché, come accade per le eclissi lunari terrestri, il riflesso del Sole sulla atmosfera di Marte riesce ancora ad illuminare seppur pallidamente il satellite. Gli astronomi cercheranno ora di riprendere Deimos per una eclisse “Deimale”.

 

M 45 - Le Pleiadi sono chiaramente visibili in questa immagine

 

 

Sol 664 e sol 667 Naturalmente non vengono tralasciate le attività d'osservazione geologica come lo studio di questi affioramenti stratificati.

 

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .