SPIRIT

dal Cratere di Gusev

more news

28.06.04 – (SOL 173) – TROVATA L’EMATITE IN POT OF GOLD !

Dopo una settimana di analisi effettuate non senza difficoltà, perchè il braccio andava a "sbattere" sulla roccia da esaminare con lo spettrometro Moessabuer, Spirit ora si trova in una area che è stata informalmente chiamata "Hank Moore Hollow" che contiene alcune rocce interessanti e molto diverse da quelle che sembrano essere tutte intorno. L’analisi di "Pot of Gold" ha mostrato chiaramente la presenza di minerali di ematite il che fa supporre che un tempo questa area può essere stata ricoperta di acqua idrotermale salata.  (Copyright pianeta marte)

 

 

"Pot of Gold" a colori

     

 

In questa immagine (sol 164) è possibile vedere Pot of Gold da un’altra angolazione e quindi sotto una luce diversa che ne evidenzia la particolare differenza rispetto le rocce circostanti.

 

    

Le immagini ravvicinate, di tre cm per tre, sono state effettuata durante il sol 162, e ci mostrano Pot of Gold.

Sono presenti numerose aggregazioni sferiche “posate” su di una superficie finemente ricoperta da una fitta granulometria, che la fa somigliare ad un agglomerato di sabbia. I dati preliminari mostrano una ricca presenza di ematite la cui origine, da fonte idrotermale o effusiva (a secco) deve essere ancora accertata.

     

 

Il grafico ci mostra lo spettro eseguito dallo spettrometro Moessbauer durante il sol 161, 162 e 163. La linea rossa in alto è lo spettro di Pot of Gold, la blu in basso è la linea tipica delle rocce basaltiche o vulcaniche ritrovate fin’ora nel cratere di Gusev. I due picchi al centro indicano la presenza di minerali ferrosi, i sei picchi più piccoli mostrano invece le tipiche caratteristiche della ematite.

 

     

Spirit al lavoro (sol 171)

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .