SPIRIT

dal Cratere di Gusev

more news

 

 24.02.04 - SPIRIT NELLA "TERRA DI MEZZO"

Spirit ha finito di esaminare l’interno dello scavo che ha fatto sul fondo di "Laguna Hollow," ed ora (sol 51) ha ripreso la strada per raggiungere il cratere di "Bonneville”, a velocità ridotta per evitare sobbalzi troppo forti, fermandosi in una area chiamata "Middle Ground" dove ha analizzato il suolo e ripreso fotografie. Ora il rover si trova in un campo di pietre che potrebbero essere state proiettato all'esterno del di cratere di "Bonneville” durante l'impatto che lo ha formato. In linea teorica esse potrebbero appartenere agli strati più profondi del suolo marziano e quindi molto importanti da studiare. Non sarà un compito facile individuare quali di queste innumerevoli sassi sia veramente scaturito dal sottosuolo di Marte, ma non impossibile.

Al momento entrambi i rover stanno funzionando molto bene ed i tecnici della NASA sono ottimisti che possano funzionare molto più dei tre mesi dichiarati, questo anche a dispetto delle difficoltà del clima marziano, basse temperature, radiazioni letali e la sabbia che lentamente andrà a ricoprire le cellule solari fino ad impedire che queste riescano a ricaricare le batterie.

 

 

Il braccio di Spirit colloca i suoi strumenti sulle pareti dello scavo.

     

 

Questa che vi mostriamo è la mappa di navigazione aggiornata rispetto a quella che avete visto nell giornata del 19.02.04. La mappa è stata preparata al JPL in vista della prossima entrata nel cratere "Bonneville”. La mappa, centrata nel 45 SOL del rover, ci mostra le varie tappe di Spirit e la distanza che lo separa ancora da "Bonneville”. Le aree chiuse all’interno delle linee gialle contengono le immagini eseguite dal rover e le arre che ha esplorato. I cerchi blu mostrano le caratteristiche principali dei dintorni come come “Sleepy Hollow”, vicino al lander, e  “Laguna Hollow”. Le immagini riprese da Spirit sono poi state sovrimposte alle immagini riprese dal lander durante la discesa.

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .