HOME PAGE - Back - MER 2003 HOME

 18.02.04 - ALTRE SFERULE?

Lentamente Spirit continua a riprendersi dai problemi che avevano afflitto le sue flash memory. Ora anche il “rate” di trasmissione è aumentato (siamo arrivati a 256 kilobits per secondo) e ci sono buone prospettive che possa ritornare ai parametri iniziali. Il rover continua la sua trasferta verso il bordo del cratere "Bonneville" dal giorno della sua discesa dal lander ha già percorso più di 106 metri. Gli scienziati si aspettano molto dall’esplorazione del cratere il cui preistorico impatto potrebbe aver portato allo scoperto interessanti rocce stratificate dalle quali si spera di riuscire a trovare prove che un tempo il cratere di Gusev fosse stato un profondo lago.

 

 

Questa immagine è stata ripresa dal “microscope” dopo che lo spettrometro Moessbauer si è appoggiato al suolo per delle analisi di un punto chiamato dagli scienziati “Middle of Road”.

Gli scienziati hanno trovato questa immagine molto interessante ed intrigante, perché la pressione dello strumento ha evidenziato nel suolo la presenza di sferule in precedenza non notate. L’immagine inoltre conferma la grande coesione che esiste fra le particelle tanto che la spinta dell’anello che si trova di fronte allo spettrometro non ha smosso più di tanto la sabbia, che sembra comportarsi e qui sta l’intrigante, come la sabbia che ritroviamo sulle nostre spiagge vicino alla battigia, e quindi imbevuta d’acqua di mare!!! Il suolo è forse in qualche modo umido? Oppure si tratta solo di coesione chimica???

     

  Questo è ciò che "vede" Spirit, il panorama frontale ci mostra il cratere "Bonneville"
     
 

Particolare dello spettrometro Moessbauer e della piccola flangia di appoggio e protezione dello strumento. é questo particolare a "toccare" il suolo.

 

 

 

 

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .