SPIRIT

dal Cratere di Gusev

more news

06.07.04 – (sol 180) – NUOVI “COMPITI” PER SPIRIT

Spirit si trova sul sito posto sulla prima salita alle Columbia Hill, e chiamato informalmente “Hankj’s Hollow”, dal sol 171 e vi resterà per almeno una altra quindicina di sol. In questo periodo si è soffermato a lungo per studiare una roccia chiamata “Pot of Gold”, le cui analisi hanno mostrato la presenza di ematite, ha effettuato rilievi delle polveri sospese nel cielo e delle temperature del suolo con il MINITES e molte altre analisi e fotografie. In particolare gli scienziati sono stati molto interessati dal materiale chiaro portato allo scoperto dai continui movimenti delle ruote del rover sulla sabbia. Spirit ha poi analizzato (sol 173) il targhet chiamato “Bread Box”.

Ha poi parzialmente sospeso le analisi per prepararsi a  ricevere da Terra un nuovo sotware per economizzare energia, prima di affrontare la salita sulle colline. Prima di ricevere il nuovo software il rover sarà sottoposto ad una verifica completa di tutti i sistemi, e ad una revisione per cercare di eliminare alcuni piccoli problemi che lo hanno afflitto negli ultimi sol. Fra questi va segnalato una perdita di precisione nel calcolare le distanze con il braccio robotico (dai due ai tre centimetri) che gli impediscono di mettere perfettamente a fuoco le immagini con la microcamera o, al contrario, di sbattere gli strumenti sul targhet da esaminare. Un altro problema riguarda la perdita di scorrevolezza della ruota anteriore destra, che si spera di ovviare con un ciclo di riscaldamento della resistenza che tiene caldo il lubrificante nella speranza di guadagnare maggiore fluidità. Terminate queste piccole riparazioni Spirit riceverà il nuovo software che comprende le modifiche già inviate ad Opportunity, e cioè la possibilità di mettersi in “sonno profondo”, così come lo hanno chiamato gli americani. Il “sonno profondo” permetterà al rover di spegnere durante le ore di riposo tutti gli apparati, resistenze compreso, ad esclusione di quelle essenziali alla “vita operativa”. Questo software col tempo sarà fatale al MINITES, come già spiegato sol fa quando Opportunity ricevette (in anticipo) lo stesso programma ma permetterà di affrontare i rigori dell’inverno marziano.

 

(Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta marte.it)

 

 

  “Bread Box” sotto esame
     
  “Bread Box” dalla pancam
     
  Il materiale chiaro portato allo scoperto dalle ruote di Spirit

Images and additional information about the project are available from JPL at http://marsrovers.jpl.nasa.gov

and from Cornell University, Ithaca, N.Y., at http://athena.cornell.edu .