2001 Mars Odyssey News

 

 

10.04.07- La scopertA di caverne

SUGGERISCE la presenza di vita su Marte

 

 

Il Thermal Emission Imaging System (THEMIS) della navicella Odyssey ha scoperto l’entrata di sette caverne vicino all’equatore marziano. Dato che le voragini sono tutte situate nelle immediate vicinanze del grande vulcano Arsia Mons, gli scienziati sono certi che siano gli ingressi di lunghe caverne sotterranee scavate da fluire dalla lava vulcanica. Le aperture spaziano da un diametro di 100 ad un massimo di 250 metri e sono state già state chiamate “le sette sorelle” (Dena, Chloe, Wendy, Annie, Abbey, Nikki e Jeanne). Delle sette si è già potuto appurare che Dena si estende al di sotto della superficie per almeno 130 metri.

La scoperta è frutto di una sperimentazione che utilizza gli infrarossi chiamata: Earth-Mars Cave Detection Program attualmente in atto nel deserto del Mojave in California, in quello dell’Atacama in Cile, così come nel rigido freddo della Groenlandia e dell’Antartide. In queste località gruppi di scienziati individuano la presenza d’anfratti, cunicoli e grotte tramite la differenza di temperatura con l’adiacente superficie. In questo modo si sono potuti raccogliere dati che aiutano ad interpretare le misure di Odyssey e quindi le particolari differenze di temperatura (dopo aver debitamente tenuto conto delle differenze climatiche di Marte) ed individuare con certezza la presenza di ingressi a cavità sotterranee. La fase della sperimentazione ha quindi dato i suoi primi frutti, ora si tratta di scoprire nuove grotte, magari di dimensioni più piccole. Nel frattempo si stanno già mettendo a frutto strategie per la loro prossima esplorazione. Per questo saranno necessari mezzi anticonvenzionali perché non è detto che entrare e muoversi all’interno di questi anfratti sia possibile utilizzare veicoli con le ruote.

 (Copyright testi & fotocomposizioni - pianeta-marte.it)

 

  

 

Immagini di THEMIS che mostra l,’ingresso di cavità sotterranee chiamate “Le sette sorelle”. In senso orario dall’alto vediamo: Dena, Chloe, Wendy, Annie, Abbey, Nikki e Jeanne. Le frecce indicano la direzione dell’illuminazione ed il nord.

 

 

Immagini del THEMIS che mostrano I possibili ingressi a caverne sotterranee. L’immagine - una combinazione a colori fra le lunghezze d’onda del visibile e dell’infrarosso - mostrano gli ingressi di giorno, nel pomeriggio ed di primo mattino, quando le differenze di temperatura esterna è molto sensibile.

 

 

Immagini del THEMIS che mostrano I possibili ingressi a caverne sotterranee. L’immagine - una combinazione in b&n fra le lunghezze d’onda del visibile e dell’infrarosso - mostrano un ingresso di giorno, nel pomeriggio ed di primo mattino, quando le differenze di temperatura esterna è molto sensibile.

 

Foto credit:

[ASU THEMIS Science Team] - Christensen, P.R., B.M. Jakosky, H.H. Kieffer, M.C. Malin, H.Y. McSween, Jr., K. Nealson, G.L. Mehall, S.H. Silverman, S. Ferry, M. Caplinger, and M. Ravine, The Thermal Emission Imaging System (THEMIS) for the Mars 2001 Odyssey Mission, Space Science Reviews, 110, 85-130, 2004

 

linearazzo.gif (489 byte)