2001 Mars Odyssey News

linearazzo.gif (489 byte)

 

 TEMPESTE DI SABBIA

A partire dal 1 febbraio del 2001 (prima estensione di missione)  Mars Global Surveyoy ha ripreso nuove immagini di Marte tra le quali una grande tempesta di sabbia.La camera panoramica di MGS ha ripreso, a partire dalla fine di giugno del 2001, l’evolversi di una grande tempesta di sabbia che ha iniziato a formarsi quando l’aria più fredda delle regione polare sud ha iniziato a “scendere” verso le più calde zone equatoriali. Ai primi di luglio la tempesta ha iniziato ad avvolgere l’intero pianeta facendosi più intensa nelle regioni dell’emisfero sud ed in quella a nord di Elisium/Amazonis. Ancora pochi giorni e tutto il pianeta ne sarà interessato, con la sola eccezione della calotta polare sud. Tempeste stagionali simili sono già state osservate in precedenza, oltre che da Terra con l’ausilio di telescopi, anche durante lo svolgimento delle missioni spaziali del Mariner 9, Mars 2 e Mars 3, che raggiunsero il pianeta nel 1971. In questi ultimi anni si sono susseguite altre tempeste stagionali ma quasi sempre a carattere regionale, più raramente, come in questo caso, a livello planetario.La grande tempesta del 2001 (nata dall’innescarsi di molteplici più piccole tempeste) ha oscurato il pianeta fino al mese di settembre, lasciando ancora molta sabbia nell’aria fino a novembre inoltrato.

Le due immagini riprese a giugno del 2001 ed a luglio dello stesso anno, ci mostrano chiaramente l’evoluzione della tempesta. Nella prima si evidenziano particolari come la regione di vulcani di Tharsis, la Valles Marineris e la calotta polare sud durante il tardo inverno. Dalla stessa prospettiva l’immagine di luglio mostra gli stessi particolari nascosti da una fitta coltre di sabbia.

 

 

IMMAGINE AD ALTA RISOLUZIONE  (640 K)

 linearazzo.gif (489 byte)

Ulteriori particolari sulle tempeste marziane nella pagina Marte in Cifre

I commenti delle foto provengono direttamente dal sito di MGS

linearazzo.gif (489 byte)

I commenti delle foto provengono direttamente dal sito del JPL

linearazzo.gif (489 byte)

BACK