Snikers News

more news

 

 

10/03/2000 - Nuove prove contro ALH84001

 

L’ipotesi che ALH84001 contenga prove di un’antica vita marziana ha subito un altro duro colpo.

Ricercatori della University of California, San Diego, (UCSD) hanno pubblicato sulla rivista NATURE, un articolo nel quale dichiarano che l’alta concentrazione di isotopi di zolfo contenuta nei (presunti) meteoriti marziani è dovuta, con ogni probabilità, a processi fotochimici e non organici.

Ricercatori di numerose università americane ed europee, avevano mostrato un particolare interesse per la grande presenza d’isotopi di zolfo all’interno dei meteoriti marziani, in special modo dopo la scoperta di ALH84001 che aveva riacceso il dibattito della comunità scientifica sulla presenza di vita su Marte, poiché la genesi di tali isotopi sulla Terra è principalmente dovuta a fattori biologici.

Infatti gli organismi viventi sono i migliori veicoli di separazione fra i vari isotopi scegliendo un determinato tipo a favore di un altro. Per questo nelle rocce terrestri, quando s’incontrano grosse differenze fra i vari isotopi generalmente se ne attribuisce la paternità ad attività biomolecolari.

Per verificare se lo stesso processo è avvenuto su Marte, Mark Thiemens, leader del team di ricerca dell’UCSD, ha effettuato una accurata indagine su cinque campioni di meteoriti marziani. Questi studi, combinati con le attuali conoscenze sulla composizione dell’atmosfera di Marte, ha portato alla conclusione che sul pianeta rosso la presenza di variegate quantità di isotopi di zolfo sia dovuta esclusivamente ad un processo fotochimico e non biologico.

I risultati della ricerca saranno presentati dal Team alla fine di Marzo durante l’annuale Lunar and Planetary Sciences Conferences che si terrà a Houston.

Le conclusioni dell’UCSD porteranno nuovi fiumi di polemiche fra sostenitori e detrattori della vita su Marte, ampliando ulteriormente un dibattito che potrà concludersi solo quando potremo avere modo di analizzare e confrontare direttamente molti campioni di suolo marziano, e forse non basterà ancora a definire se su Marte ci sia, o coi sia mai stata vita.

 

 

 

linearazzo.gif (489 byte)

linearazzo.gif (489 byte)